Articoli
Lista DCI - Marzo 2005
Articolo del 7-3-2005
Candini Stefano
Raineri Danilo

 

Regolamento

 

Gilded Drake e Stifle

L’oracle text attuale del Gilded Drake prevede un’abilità innescata che non può essere neutralizzata, né da Stifle né dalle regole del gioco, per impedire che un giocatore possa in qualche modo tenere il gioco il drago senza averlo “scambiato”. Altri casi importanti in cui l’oracle text differisce funzionalmente da quanto scritto sulla carta: Cloud of Faeries stappa le terre solo se giocato dalla mano, Mox Diamond richiede di scartare una terra come costo addizionale e non come effetto di un’abilità attivata, il testo di Goblin Welder è stato riscritto in modo da non usare più la parola “scambia” (e con esso tutte le carte con wording simile).

A partire da questi esempi, si è parlato dell’importanza dell’oracle wording: è molto importante per un arbitro avere sempre a portata di mano l’edizione più aggiornata, alla judge station oppure su un palmare da portare con sé ai tavoli.

Mail di Scott Marshall

 

Humility, Opalescence e Night of Soul Betrayal

Ogni buon judge ha imparato ad odiare Humility… ecco l’ennesima sorpresa regalataci da questa carta imbarazzante. Cosa succede se entrano in gioco contemporaneamente (con un Replenish di Delphitestiana memoria) Humility, Opalescence e Night of Soul Betrayal? Scott Marshall risponde per noi, anche se è istruttivo provare prima a rispondere da soli.

Opalescence, nel layer quattro, rende tutti gli incantesimi creature con forza e costituzione pari al costo di mana convertito. La parte dell’effetto di Humility nel layer cinque elimina le abilità di tutte le creature, per cui tutti gli incantesimi animati perdono le loro abilità. Infine, la parte dell’effetto di Humility nel layer sei riduce la loro forza e costituzione a uno.

Per dissipare questo ed altri dubbi, un’ottima lettura è l’articolo di Sandro Manfredini (di prossima pubblicazione)

LINK ALL’ARTICOLO DI MANFREDINI

Mail di Scott Marshall

 

One-shot effects VS Continuous effects

Sia Genju of The Cedars che Living Terrain sono incantesimi che “trasformano” una terra in una creatura. C’è un’importante differenza funzionale: l’abilità statica di Living Terrain genera un effetto continuo che cessa non appena l’incantesimo lascia il gioco, mentre Genju of The Cedars anima la terra come effetto di un’abilità attivata il cui effetto che dura fino alla fine del turno indipendentemente dalla presenza in gioco o meno dell’incanta terra che l’ha generata.

Genju of The Cedars riserva altre sorprese a base di layer (il suo effetto è sia type-changing che modificatore di forza e costituzione) dissezionate da Scott Marshall.

Mail di Scott Marshall

 

Sakura-Tribe Elder e Umezawa’s Jitte

Se si sacrifica, dopo aver messo in pila il danno da combattimento, un Sakura-Tribe Elder equipaggiato con Umezawa’s Jitte si possono mettere i segnalini su quest’ultimo?

No: sebbene il danno venga inflitto, il Jitte controlla che a infliggerlo sia la creatura equipaggiata. Se quest’ultima non è più equipaggiata durante la sottofase di risoluzione del danno, non si possono aggiungere i segnalini.

Mail di Jeff Jordan su una situazione equivalente

 

 

Oltre il regolamento

 

Annunci per i tornei Extended

Sebastian Rittau ha l’ottima abitudine di istruire i giocatori, prima di un PTQ, sui cambiamenti più importanti nelle regole, nell’oracle wording delle carte più usate nel formato e su alcune questioni legate alla filosofia arbitrale. Per la stagione Extended propone di ricordare ai giocatori la differenza tra Slow Play e Stalling, la necessità di giocare Cloud of Faeries dalla mano per stappare terre, la procedura abbreviata relativa a Mind’s Desire (vedi riassunto della lista internazionale del mese di Febbraio) e l’oracle text attuale di Gilded Drake.

Al di là del caso specifico, si valuta l’opportunità di preparare un briefing standard da leggere ai giocatori all’inizio di ogni stagione, per fornire le chiarificazioni più importanti.

Mail di Graham Hopkins

 

Ancora sul prize split

Alcune considerazioni su casi limite in cui un estraneo al torneo offra la controparte in denaro dei premi in palio e su come questo possa o meno influenzare le decisioni dei giocatori che vogliono procedere ad uno split:

Mail di Scott Marshall

interessante anche il discorso collaterale legato a minorenni e prize split:

Mail di Daniel Zollman

 

Vi ricordo infine l’articolo su Split e Concessioni, scritto dai principali arbitri italiani

Split e Concessioni

 

 

 

Licenza Creative Commons Iscriviti al feed RSS