Articoli
La sfera "Comunicazione"
Articolo del 31-5-2017 a cura di Raineri Danilo Zarà Walter
Raineri Danilo
Zarà Walter

Ciao a tutti sono Walter Zarà, arbitro di livello 3 e gestisco la sfera “Comunicazione”

La funzione della sfera è quella di organizzare i flussi comunicativi modulando i contenuti della comunicazione stessa, fornendo e gestendo i mezzi tecnici per favorire l’interazione mediata e predisponendo contestualmente servizi di informazione e formazione per giocatori ed arbitri.

Vi ho già annoiato a morte? 

Per fortuna abbiamo la possibilità di farvi raccontare di cosa si occupa nella pratica questa sfera, da collaboratori che hanno fatto pace con la lingua italiana (grazie Danilo) ^_^

 

La sfera "Comunicazione" in due (o tre) parole

Risorse per i giocatori 

IMJ For You è la nostra pagina di comunicazione istituzionale: è il collegamento con il nostro sito, il fulcro della nostra presenza social. I nostri articoli rivolti ai giocatori vengono pubblicizzati sulla pagina e cerchiamo di essere tempestivi nel trattare tutti gli argomenti più “caldi”, grazie ai contenuti che ci vengono forniti dal team editoriale (Luca Romano gestisce la sfera "contenuti"). 

Combattiamo anche strenuamente contro i dubbi più disparati: chiunque sia roso dalla curiosità può inviare un messaggio privato alla pagina e ricevere lumi su domande di regole, di policy arbitrale, di strategia avanzata. No, la strategia avanzata no: dopo tutto siamo arbitri, se fossimo esperti di strategia vinceremmo i tornei, invece di arbitrarli.

Dall’inizio dell’anno abbiamo risposto a più di quattrocento domande. Un team di nove persone, composto da arbitri di livello uno e due, si incarica di esaminare il quesito e formulare una risposta corretta nel minor tempo possibile. La prossima volta che chiederete spiegazioni sull’abilità Branco pensate a quanta materia grigia state mobilitando — e non stupitevi quando tutta questa materia grigia vi dissuaderà dal chiedere dettagli su Fase.

 

Essere parte del prestigioso team di operosi elfetti che rispondono è anche molto formativo: non vogliamo tediarvi con dettagli sulla priorità mentre aspettate una risposta durante il Commander del giovedì sera. Sviluppare le giuste doti di sintesi e precisione per ottenere questi risultati, richiede tempo e allenamento, ma è una cosa che facciamo volentieri. Basta che nessuno chieda nulla su Fase. Sì, è un nostro chiodo fisso.

 

Risorse per gli arbitri

 

Il gruppo Facebook degli arbitri italiani è storicamente sede di comunicazioni ufficiali, segnalazioni tempestive di articoli interessanti pubblicati sui blog internazionali e una giusta dose di auto celebrazione.

Foto dei nostri faccioni sorridenti in giro per il mondo o nel negozio sotto casa, notizie che non pubblichiamo su IMJ For You (perché pochissimi giocatori sono così coraggiosi da interessarsi ai cambiamenti nelle penalità… ma gli arbitri, si sa, sono masochisti e vivono di queste cose), scenari di pratica: ecco in cosa ci imbattiamo “srotellando” gioiosamente nel gruppo. O strisciando sul vetro il polpastrello, come usa tra quei giovinastri che mai hanno indossato occhiali di Urza.

L’iscrizione al gruppo è aperta a tutti gli arbitri: dopo l’esame, se il candidato è sopravvissuto, il torturatore designato si fa carico della necessaria burocrazia.

 

Gruppi WhatsApp —Uno, due o tre? Potevano mancare? Certo che no!

 

Pronto a distruggere la batteria del nostro smartphone e a sommergerci di notifiche, il gruppo “IMJ” è sede delle conversazioni più disparate; numerosi argomenti ricorrenti allietano l’arbitro italiano a qualsiasi ora del giorno e della notte (vi abbiamo già avvertito della mole di notifiche)?

Un team specializzato di guastatori in incognito ravviva periodicamente la conversazione mostrando foto di tappetini e artwork vietati ai minori, sciorinando aneddotica da torneo e generalmente cercando di cambiare discorso non appena il nuovo arrivato manifesta l’intenzione di porre “quella tremenda domanda senza risposta”. 

Ovviamente, lo scopo di questo gruppo non è solo quello di socializzare nei modi più disparati: un buon numero di arbitri di livello due e tre sono sempre disponibili a rispondere celermente a domande di regole e policy arbitrali. Una sorta di IMJ For You ad uso interno.

 

Esiste, poi, un secondo gruppo WhatsApp riservato agli arbitri di livello due o superiore: ospita, per lo più, conversazioni su argomenti che risulterebbero di minor interesse per gli store judge :  selezioni ai Grand Prix, vane speculazioni su parti intricate del regolamento, mentoring nei confronti degli aspiranti arbitri. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, cerchiamo di espandere la conversazione al gruppo generale: coinvolgere il maggior numero di persone è più istruttivo e sicuramente più divertente.

 

Ah, giusto. C’è addirittura un terzo gruppo WhatsApp, sempre riservato agli arbitri di livello due o superiore: ha un “NO SPAM” maiuscolo nel nome, ed è riservato alle emergenze o comunque alle domande che richiedono una risposta veloce. Vede il suo picco di traffico nel week-end, quando gli arbitri sono impegnati con i Preliminary PTQ o, comunque, tornei a REL competitive che richiedono una certa dose di cautela e sangue freddo.

 

Le chat, per natura, per quanto abilmente moderate, sono chiassose, confusionarie e divertenti. E le discussioni serie?

 
 

Le discussioni serie trovano naturale collocazione nel forum italiano ospitato da Judge Apps, la piattaforma internazionale che utilizziamo per chiedere di essere selezionati come staff nei vari tornei, per scrivere le cosiddette review e per ricevere risposte ufficiali sugli argomenti più disparati.

Il forum ospita regolarmente report di tornei, conversazioni di più ampio respiro rispetto a quanto consentito da Facebook e WhatsApp, richieste di consigli e in genere tutte quelle conversazioni che è il caso di conservare per riferimento futuro, al riparo dal flusso continuo di parole che si riversa quotidianamente negli altri canali.

 

Riassumendo si tratta di una sfera che al suo interno ospita progetti e mezzi eterogenei, che va gestita a volte in modo preciso e puntuale (articoli e comunicazioni ufficiali) a volte con una certa dose di opportuna permissività (discussioni libere su alcuni dei gruppi WhatsApp). Il nostro scopo rimane quello di offrire i canali opportuni per ogni tipo di comunicazione, con la consapevolezza che il mezzo che si utilizza diventa parte del messaggio stesso, modificandolo. 

Tuttavia per il futuro ci poniamo obiettivi che ci permettano di dare un contributo anche ad altre sfere, ad esempio attraverso consulenze in ambito comunicativo, con progetti legati alla multimedialità (neosfera gestita da Andrea Sciarrotta) ed interessandoci anche dell’aspetto interpersonale della comunicazione: dal lessico migliore da utilizzare per trasferire un feedback, al valore della comunicazione non verbale e paraverbale durante l’arbitraggio e le interazioni con i giocatori. 

Sono obiettivi intraprendenti, ma con il giusto aiuto siamo convinti di poter fare bene.

Per questo motivo se siete arbitri e volete collaborare con noi, non esitate a contattarci. 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva