Articoli
Analisi Recognitions Wave #11
Articolo del 2-2-2018 a cura di Falcone Francesco Scorrano Mattia Vella Andrea
Falcone Francesco
Scorrano Mattia
Vella Andrea


Analisi Recognitions Wave #11


L'inverno, un periodo magico: il Natale, le vacanze, la neve, i regali e le renne volanti e tante nuove recognitions. Noi siamo sempre qui, pronti e ligi al nostro dovere, per aggiornarvi come sempre delle statistiche della wave.
Bentornati, dunque, al nostro consueto appuntamento con l'analisi della Wave 11.

Prima di cominciare andiamo a dare un'occhiata a qualche numero:

 

In questa wave il numero delle recognition è rimasta più o meno stabile, con una leggera diminuzione delle recognition ottenute.
Vorremmo approfittare della fine dell'anno solare anche per fare una rapida analisi di quest'anno (wave 8/9/10/11).
Nel complesso il livello sembra essersi stabilizzato in questo ultimo anno, con delle leggere oscillazioni tra i 160 e le 200 recognition sia per la categoria di quelle ricevute sia in quelle effettuate. Complessivamente i pinguini sono sempre stati generosi e hanno assegnato molte recognition sin dall'inizio del progetto. Solamente in wave 7 e wave 8 le recognition ottenute sono state di un numero superiore rispetto a quelle effettuate, ma sempre per poche unità.
In questa wave noteremo una serie di valori negativi se si vanno a confrontare i numeri con la precedente wave. Molteplici possono essere le motivazioni.
Può capitare che un arbitro abbia avuto un periodo più caotico o che non abbia avuto modo di entrare in contatto con altri pinguini. Prendersi una pausa dalla stagione torneistica e non avere occasione di andare all'estero. Capita anche che alcune recognition non siano accettate. Come? Non sai di che cosa stiamo parlando? Per dare una risposta più completa abbiamo chiesto l'aiuto al nostro Kalle.
 

Wave 11 - Deferred Nominations

Scrivere nominations per una wave dell'Exemplar Program è sempre un'attività stimolante e al tempo stesso gratificante. Rivivere i contributi eccellenti che hanno contribuito a migliorare una nostra giornata di arbitraggio non fa che rivivere anche queste emozioni più che positive!

Al tempo stesso, tuttavia, scrivere nominations per una wave dell'Exemplar Program può portare insoddisfazione e frustrazione. Come? Capita che la nostra nomination inserita con tanta cura e affetto venga respinta e quindi non pubblicata e recapitata all'arbitro cui l'avevamo destinata! Com'è possibile?

Esistono alcuni criteri che sono fondamentali per poter riconoscere con successo un comportamento eccellente di un arbitro tramite l'Exemplar Program. Li potete trovare in queste linee guida. In breve, la filosofia di base dell'Exemplar Program è quello sì di riconoscere comportamenti estremamente positivi dei nostri colleghi arbitri ma al tempo stesso, e soprattutto oserei dire, di rendere questi comportamenti dei modelli comprensibili e replicabili anche da parte dell'intera classe arbitrale. D'altra parte, quale strada migliore verso l'eccellenza, che esempi concreti di eccellenza?

Questo si traduce in alcuni consigli, come quelli di essere sinceri, precisi e concreti, di parlare di attività prettamente arbitrali e di spiegare il modo in cui le azioni che andiamo a riconoscere abbiano avuto un impatto positivo.

Per questa wave vorrei portarvi un paio di esempi di nomination che sono state respinte per capire meglio le linee guide e non cadere noi stessi negli stessi errori. Queste nomination sono state rese "anonime" in quanto lo scopo è puramente didattico.

  
Bravo JACE, dopo pochissimo tempo da quando ho annunciato di aver bisogno di aiuto per il nuovo progetto RIX, hai dimostrato un interesse fuori dal comune. Ti sei presentato nel migliore dei modi e non ho dubbi che il tuo entusiasmo sarà un valido contributo al progetto stesso e a tutto il team.

L'attività nei progetti è sempre estremamente lodevole, perché sono le fondamenta per far crescere i nostri arbitri, in quanto va a completare l'esperienza che andiamo ad acquisire durante i tornei. Senza gli innumerevoli progetti che portiamo avanti nel tempo, avremmo possibilità molto inferiori di poter imparare e di poterci confrontare con altre realtà e punti di vista. Perché quindi questa nomination è stata respinta?

Non si capisce cosa JACE abbia fatto per il progetto RIX. Si è solo presentato al resto del team o ha già contribuito in maniera particolare ed efficace? Presentarsi ad un team con cui si collabora è un qualcosa che chiediamo a tutte le persone e non è di per sé un comportamento particolare o eccellente che sarebbe fonte di ispirazione e miglioramento per tutti gli altri arbitri. Questa nomination quindi non fornisce modelli ripetibili. Lascia l'impressione di essere stata scritta solamente per ringraziare JACE di avere l'intenzione di dedicare del tempo al nostro progetto.


CHANDRA, hai la stessa energia di quando ho iniziato io, ma a differenza mia tu sai canalizzare gli sforzi per colmare le tue lacune in modo sorprendente, come quando abbiamo parlato del REL Regular.
Questa qualità è eccezionale, tienila sempre a mente perché sarà sempre di ispirazione per gli altri.

Il confronto con gli altri è un altro aspetto fondamentale per la crescita personale. Discutere con altri arbitri dei propri dubbi aiuta spesso molto più che rileggere per l'ennesima volta un documento particolarmente ostico o approcciare una procedura nuova da completi autodidatti. Condividere le proprie esperienze e fare proprie quelle degli altri è un ottimo sprone a migliorarsi costantemente. Ancora una volta, perché anche questa nomination è stata respinta?

Qui capiamo che la qualità che vogliamo promuovere è quella di continuare ad apprendere e migliorarsi. Eccellente. Ma come viene concretamente espressa questa qualità? Anche in questo caso manca un esempio concreto di cosa abbia fatto CHANDRA per sfruttare al meglio la sua energia per continuare a migliorarsi. Viene citata una discussione sul REL Regular, ma… di cosa si è parlato? Quali spunti sono stati illuminanti? Come sono stati messi in pratica? Come ci ha aiutato a migliorarci?


Concludendo, voglio ribadire che scrivere nomination per gli altri arbitri è un impegno fonte di grandi soddisfazioni. Vediamo di sfruttare questa opportunità di riconoscere l'eccellenza che ci circonda facendo in modo al tempo stesso che questa stessa eccellenza possa essere fonte concreta di miglioramento per tutti gli altri. Questo è lo scopo dell'Exemplar Program! E ricordatevi, che se avete un dubbio su una nomination che state scrivendo, potete sempre contattare il vostro L3 di riferimento :)

K.



Analisi per tipologia


Tornei
Da Danilo Ranieri a Irene Quintavalle

During the last PPTQ I head judged, I was in very bad shape to a bit of flu. Without me even asking, you took care of all the logistics (table numbers, deck registration, handling of pairings, end of round procedures) and ran a very smooth event, asking my advice only when really needed. I really liked how you smiled all throughout the tournament: even though you constantly reminded players that they could appeal to the head judge, they trusted you and accepted your rulings. Your performance was of a very high standard for an L1, and you also allowed me to rest a bit: good job!


Cosa può essere migliore di un Floor Judge che fa esattamente quello di cui il suo hj ha bisogno e lo fa anche meglio di come uno si aspetti? Ecco un ottimo esempio di una rec per la categoria "tornei".


Educazione
Da Luca Romano a Walter Zara

Il tuo seminario alla conference di Frosinone è stato uno dei migliori che ricordi negli ultimi anni. Sei riuscito a condensare una serie di concetti complessi riguardanti la comunicazione interpersonale in un modo comprensibile a tutti, conciso e in grado di rimanere nella memoria, il tutto mantenendo alta l'attenzione del pubblico. Spero che tu possa presentare anche la parte successiva alle prossime conference.


Con "educazione" parliamo di tutto quello che viene fatto per insegnare qualcosa agli altri e che possa essere apprezzato e trasmesso in modo che quanti più judge possibili possano usufruirne. Un ottimo seminario è proprio tra i migliori modi per raggiungere questo scopo.

Community
Da Alessandro Ingargiola a Giampaolo Fadda

Giampaolo, come posso non ringraziarti per la immensa, enorme, infinita pazienza che hai messo e stai tuttora mettendo con i candidati L1 della Sardegna! Siamo due caratteri molto diversi e sai bene che io non sarei mai riuscito ad avere la tenacia e resistenza che tu stai dimostrando nel gestire i nuovi ragazzi che si vogliono avvicinare al mondo arbitrale. Sembra una cosa banale, una cosa che ci si aspetta da ogni L2 della terra. Ma ci son situazioni che, come nel nostro caso, la rendono una situazione completamente fuori categoria. Altri arbitri non avrebbero mai affrontato la situazione cosi come la stai affrontando tu e ti ringrazio!! Sei stata la mia salvezza e il mio supporto dove altri sarebbero scappati a gambe levate!


Essere un punto di riferimento non è mai una cosa facile. Ma per fortuna quando ci si riesce l'apprezzamento di chi capisce quanto impegno ci sia dietro ripaga di tutta la fatica.

Intraprendenza
Da Piero Nicolli a Matteo Manchi

Matteo, dal momento in cui sei diventato judge la tua passione è stata travolgente. Subito propositivo in diversi aspetti della comunità, sempre disponibile e sempre in grado di portare proposte utili e di svolgere lavori egregi. Per quanto riguarda me personalmente, mi ha colpito l'entusiasmo con cui ti sei proposto, e con cui poi hai collaborato, nella ristrutturazione di alcune risorse cruciali del sito IMJ nelle sezioni per diventare arbitri, e nello sviluppo di un gruppo nuovo di judge con lo scopo di migliorare gli strumenti di comunicazione della comunità, affinché sia più facile diffondere la conoscenza e crescere come intera community. Grazie mille per tutto l'impegno e i mille sorrisi


Si dice che l'importante è partecipare, ma per lasciare il segno bisogna farlo con tutte le energie che si hanno a disposizione. Grazie a Piero che ha saputo vedere e ci ha reso partecipi di come Matteo non si risparmi dando sempre il massimo.

Mentoring
Da Martina Malvisi a Piero Nicolli

Vorrei ringraziarti per il supporto e il continuo aiuto che mi hai dato durante il 4 Seasons summer. Era la mia prima volta come HJ in un torneo di queste dimensioni e molte cose sono andate in direzione diversa da quella che mi sarei aspettata. Abbiamo avuto un sacco di imprevisti, molte situazioni complesse, ma la tua presenza mi ha permesso non solo di riuscire a mantenere la situazione sotto controllo, ma anche di avere un punto di riferimento con cui confrontarmi e che potesse darmi consigli su come migliorare le cose (basti pensare alle volte in cui mi hai aiutato con le investigations, a come abbiamo gestito l'evento quando è andata via la luce, etc.). Ogni volta che lavoro con te so che sarà l'occasione per imparare molte cose nuove. Grazie


Non sempre si riesce a trovare le parole giuste o la giusta idea per affrontare un problema. Spesso per fortuna abbiamo qualcuno accanto che riesce a darci quel giusto consiglio che fa tutta la differenza.


Analisi Regionale


Continuiamo il lavoro che abbiamo iniziato la scorsa wave, con un'analisi di tipo geografico. Questa volta ci concentreremo sulle regioni. In particolare, ci interessa capire come si muovono le recognition tra le varie regioni, e se queste abbiano o meno la tendenza a "restare in zona".

In questo senso, i Nazionali hanno avuto un effetto molto positivo sulla wave, in quanto ben l'87% delle recognition ha "sconfinato" fuori dalla regione di partenza.
(Nella cartina, frecce più piccole corrispondono a meno recognition totali.)

Questo è un dato certamente molto positivo, in quanto significa che le nostre comunità di pinguini sono molto collegate tra di loro.
In maniera non sorprendente, il dato aumenta nelle regioni che ospitano il maggior numero di Judge, attestandosi però sempre intorno al 30%. Proprio perché più popolate, queste regioni ci danno i dati più significativi. Nelle regioni meno coperte, invece, il dato si assottiglia fino quasi a scomparire.

Questo risultato apparentemente eccellente ha però un rovescio negativo: in queste regioni le recognition sono arrivate esclusivamente dall'esterno, il che ci conferma che i Judge più isolati devono muoversi di più per farsi notare.

Nonostante questo la tendenza ad interagire al di fuori della propria regione è certamente molto positiva e incoraggiante. Nel complesso, le interazioni tra pinguini distanti sono aumentate di 7,5 punti percentuali (nella wave 10 il dato di recognition uscenti era in media del 75,4%)


Analisi per livello

Anche per questa wave un po' di numeri e statistiche relative all'utilizzo degli slot da parte dei pinguini.
La wave 11 ha avuto una certa costanza nelle recognition ricevute, confermando i numeri che si vedono da un paio di wave a questa parte, ma ha risentito molto sulle recognition effettuate.

 

Recognizing Judge's Level L1 Nominations L2 Nominations L3 Nominations "Any Level" Nominations Total
Level 2 28% 49% - 45% 39%
Level 3 22% 67% 56% 56% 47%
RC Extra 0% 50% 100% - 33%
GP HJ Extra 33% 100% 83% - 83%
Total 26% 59% 69% 47% 43%

Come possiamo notare i numeri non sono bassi, ma se presi in confronto con la scorsa, essi risultano nettamente diminuiti

Confronto Wave 11 - 10 
(differenza in punti percentuali)

         
Recognizing Judge's Level L1 Nominations L2 Nominations L3 Nominations "Any Level" Nominations Total
Level 2 -20% -21% 0% -19% -18%
Level 3 -15% -22% -22% -25% -21%
RC Extra 0% -25% 0% 0% -11%
GP HJ Extra -67% 0% -17% 0% -17%
Total -20% -12% -19% -21%

-18%



Come abbiamo visto all'inizio, c'è stata una diminuzione globale delle recognition effettuate con un lieve decremento anche in quelle ricevute.
Ma nessuna paura, la Wave 12 è già iniziata e un nuovo anno di recognition ci aspetta!

Conclusioni

Che cosa vogliamo ottenere con un'analisi simile? E' una domanda che ci poniamo molto spesso, cercando di darci sempre dei nuovi obiettivi da raggiungere. E' una domanda che non ha una facile risposta, come possiamo rendere qualcosa di puramente matematico come un'analisi statistica, in qualcosa che può lasciare un segno al lettore?

In questo ultimo anno abbiamo effettuato numerose mutazioni ed evoluzioni degli articoli, passando da qualcosa di prettamente analitico a qualcosa che vuole lasciare ad ogni lettore un nuovo stimolo sia per effettuare che per ricevere recognition.
Il progetto si è evoluto in molte sfaccettature, partendo dalla scelta delle recognition, che è stata una sorta di base del progetto.

La scelta delle recognition da mettere in risalto, inizialmente, era fatta tramite una votazione tra tutti i componenti del team, ma qualcosa non ci piaceva di questa modalità. Una recognition indicata come la più bella che cosa lascia ad ogni lettore? Abbiamo voluto dare quindi un significato diverso a questa voce, confrontandoci e valutando alternative.
Invece di scegliere la recognition che più ci era piaciuta, perché non dividere le recognition in categorie e prendere la più rappresentativa per ognuna?
Qualcosa che ci porti e vi porti ad avere un'idea da che cosa nasca quella recognition e di lasciare un'esperienza agli altri lettori?
La diversificazione per tipologia poteva essere un ottimo modo per effettuare un'analisi e dare a tutti i lettori uno spunto in più su che cosa potrebbe essere premiato o messo in evidenza.

L'analisi regionale è una bella novità introdotta dalla wave 10 (inizialmente era provinciale), ed è un altro tema su cui ci siamo dibattuti molto, non è la cosa più intuitiva e semplice da capire a prima vista, ma la nostra idea di analisi voleva andare a colpire anche li, volevamo lasciare qualcosa anche sul modo in cui queste recognition venissero distribuite nel nostro paese, volevamo e vogliamo tutt'ora affrontare una sfida interessante nella quale capire come i pinguini siano in contatto tra loro e quali potrebbero essere le occasioni che aumentano questi confronti. Il contatto con judge di altre comunità lontane che cosa può portare? Questa è la parte più giovane della nostra analisi, quindi molto probabilmente in questo 2018 subirà altre variazioni ;)

Infine, l'analisi per livello, una serie di tabelline che ci portiamo dalla wave 8 (la prima analizzata in questo modo). Questa forse è la parte che è rimasta più simile alla prima versione, la parte più schematica e matematica. Una sorta di colonna vertebrale dell'analisi, di base può dire tutto e niente, ma è un elemento che ci aiuta a capire che cosa sia accaduto nella wave e di che cosa abbia portato ad eventuali aumenti o diminuzioni delle recognition. Ci aiuta a capire le attività dei judge e ci fa capire come la comunità stessa si confronti.
Questa parte inizialmente prevedeva delle tabelle in più, forse troppe per far mantenere la concentrazione. posta alla fine per avere una visione d' insieme, nasceva con un maggior numero di tabelle a confronto. È bastato poco tempo per rendersi conto che fosse necessario snellire il tutto.
Abbiamo optato per snellire il più possibile questa parte e lasciare le considerazioni alle conclusioni in modo da non essere ripetitivi e, soprattutto, essere più leggeri alla lettura e lasciare il lettore concentrarsi su un numero di dati inferiore.

Che cosa dire dunque di questa wave 11? Una wave che ha risentito di alcuni fattori, ma che ha avuto anche dei lati molto positivi. Se è vero, infatti, che il numero di recognition effettuate è diminuito, quelle ricevute sono rimaste stabili ma si sono mosse in un numero maggiore verso le altre regioni. Che vuol dire questo? Semplice, la comunità arbitrale è sempre più in contatto, superando le barriere naturali e dando sempre di più al prossimo.
Grandi eventi come i Regional o le Conference Judge aiutano molto a crescere questi numeri, ma anche gli articoli e i progetti fanno sì che anche judge distanti chilometri riescano a rimanere in contatto e scambiarsi opinioni.

Prima di salutarvi volevo prendere una piccola parte per me (Mattia), per lasciare alcuni ringraziamenti a persone che hanno reso possibile tutto il progetto:
Il primo che devo ringraziare è sicuramente Tex, che ha creduto nelle mie idee e mi ha lasciato sviluppare questo progetto aggiungendo e sviluppando sempre nuovi contenuti.
Matteo Callegari sempre pronto ad aiutare tutti. Non ci pensa due volte a dare una mano e contribuire con nuovi elementi e con le sue idee.
Ringrazio Francesco Falcone per essere sempre d'aiuto con tutti i calcoli e sempre pronto a tirar fuori tabelle e statistiche. Un elemento indispensabile per il progetto!
Infine, ringrazio Andrea Vella, semplicemente unico! Tiene a questo progetto in un modo incredibile ed è una fonte inesauribile di idee. Passiamo ore al telefono e in chat per parlare di come migliorare gli aspetti delle analisi.

Detto questo ci vediamo alla prossima wave, ricca di cambiamenti!