Articoli
Judge in Viagg'
Articolo del 22-8-2018 a cura di Vella Andrea
Vella Andrea

JUDGE IN VIAGG' - Note sparse di un'avventura in giro per l'Italia.

CAPITOLO PRIMO:
TORNEI COMPETITIVE E NUOVI GIOCATORI


Diventa Judge e girerai il mondo…dicevano.
Non che sbagliassero, sia chiaro, ma per girare il resto bisognerebbe almeno conoscere il proprio di mondo.
O forse per conoscere meglio il proprio bisognerebbe girare il resto?
Nel dubbio, partiamo dall'Italia!!


A quasi due anni dall'essere un nuovo L2, il curriculum tornei si allunga e più di una città mi ha ospitato per qualche giorno.

Nel frattempo ci sono varie note e appunti presi durante i tornei che meritavano di essere messi in ordine e trasformati in qualcosa di spero utile per tutti.

Ogni torneo è diverso dagli altri, magari non si conosce la location, gli organizzatori non si aspettano tutti le stesse cose dagli arbitri e ovviamente i giocatori sono sempre una sorpresa.

In questo articolo vorrei parlare proprio di quest'ultimi e soprattutto di quelli nuovi che si avvicinano per la prima volta ad un torneo Competitive, come magari un pPTQ.
Se non volete perdervi neanche un dettaglio sulle ultime stagioni, su come qualificarsi ai PT e le novità che riguardano il percorso per accedere al circuito professionistico seguite il nostro Alberto e la sua rubrica "Tutte le Strade portano al pPTQ" .
Questo l'ultimo articolo che tratta l'argomento.
 

Si riconoscono subito:
  1. "Judge!! Non ho scritto la lista, posso farlo ora su questo minuscolo pezzetto di carta igienica?"
  2. "Judge!! Le mie foderine si attaccano a due a due tra loro quando mischio, pensi le debba cambiare o posso usarle così?

In realtà nessuno mi ha mai chiesto cose del genere, anzi.
Spesso i nuovi giocatori che si avvicinano al Competitive restano un po' in disparte in attesa che il torneo parta e qualcuno dica loro cosa fare. Il nostro compito come Judge è anche quello di trovare il modo di farli sentire a proprio agio e muoversi verso quell'ambiente che per loro è ancora sconosciuto.

È facile per chi ha giocato già tante volte nei pPTQ districarsi tra le "regole da torneo", forse qualcuno conosce anche qualcosa delle "policy" e ogni tanto c'è qualcun altro che quasi ne sa più dell'HJ stesso.

Le regole sono tutte accessibili in italiano su IMJ, per chiunque abbia voglia di approfondirle.

Interagire con tutti prima del torneo e capire chi già conosce queste informazioni e chi no sarebbe molto bello e vi consiglio se avete un minimo di tempo da investire di fermarvi a parlare con quanti più giocatori possibili, ma non sempre ne avrete modo.

Un sistema efficace, semplice e che possa arrivare a tutti lo abbiamo pensato.

Dopo una prima stesura di Francesco e grazie anche all'aiuto di Luca ne abbiamo fatto uno strumento semplice ed accessibile.
Pochi fogli da stampare e lasciare a disposizione in modo da avere qualche indicazione sul come orientare i primi passi per andare nella giusta direzione.


Dieci semplici mosse per passare dal Regular al Competitive

https://docs.google.com/document/d/1AJJ93SRGFIh81OVUlFbQUPmBHSqQ7FxVHJn2Oz6QBpQ/edit#heading=h.97f0p3w6bkkr


È la prima volta che giochi un pPTQ?

Come saprai, si tratta di un torneo Competitive al quale si applica un livello di severità superiore rispetto ad un torneo Amatoriale, ed inoltre esistono le penalità.

Niente paura!

1. Scrivi la lista del mazzo.

È un torneo Constructed?
Se non lo hai già fatto, prendi un foglio in formato A4 e scrivi:
Il tuo nome e cognome
Almeno 60 carte che giocherai di main
Massimo 15 carte che giocherai di sideboard

Tieni la lista con te: l'arbitro la passerà a ritirare all'inizio del primo turno.

2. Tieni nel deckbox le carte del sideboard e nessun'altra carta.

Tutte le carte che si trovano nel tuo deckbox vengono considerate facenti parte della tua sideboard – anche se sono sbustate, o in bustine di colore diverso. Se queste carte extra si possono giocare nel formato e nel tuo mazzo, abbiamo un problema.

Giochi nero, e usi un Sengir Vampire Alpha come portafortuna? Lo sapevi che il Sengir è legale in Standard (almeno lo è oggi, 5 agosto 2018)? Tienilo altrove, da parte, e prendilo dopo aver presentato il mazzo.

3. Sii puntuale all'inizio del turno.

Quando l'arbitro annuncia l'inizio del turno, devi essere seduto al tuo tavolo. Se devi andare in bagno o devi fare una telefonata, avvisa prima l'arbitro.

4. "La patta non serve a nessuno"


Se il match sta finendo con una patta e questo non è un risultato utile per nessuno dei due giocatori, è ammesso che un giocatore conceda all'altro.

Non è ammesso:

  1.   Proporre di tirare un dado o una moneta
  2.   Offrire o chiedere qualcosa in cambio di una concessione. Qualsiasi cosa. L'esempio classico è il premio, o uno split, ma in realtà non si può offrire o chiedere neanche un caffè.
  3.   Guardare le carte in cima ai mazzi, per vedere chi avrebbe vinto in base alle prossime pescate.

Per tutte queste infrazioni, la penalità è la squalifica!

Si può dichiarare una patta intenzionale in qualunque momento, di comune accordo, sia per un singolo game che per l'intero match, ma valgono gli stessi divieti della concessione.
Una volta che un risultato è stato comunicato, non è più possibile modificarlo.

5. Mischia adeguatamente e a sufficienza.

  1. Quando presenti il tuo mazzo all'avversario, questo deve essere correttamente randomizzato.


  1.  Il così detto mana check (terra-spell-spell-terra-spell-spell) è lecito, a patto che dopo mischi adeguatamente. Il che rende totalmente inutile averlo fatto. È dunque solo una perdita di tempo, buono giusto per scaramanzia.
  2.  Il pile counting si può fare al massimo una volta per ogni game. Non è un metodo per randomizzare il mazzo, ma solo per contare le carte.
  3. Ricorda di mischiare adeguatamente anche durante il game, ad esempio dopo aver risolto un effetto che ti abbia permesso di cercare qualcosa nel mazzo.

6. "Posso pescare?"

Quando lanci Opt, Glimmer of Genius, o qualunque magia che ti faccia pescare, non dare per scontato che risolva – prima assicurati che il tuo avversario non la neutralizzi, o comunque non voglia fare qualcosa in risposta.

7. Se stai guardando una partita, e pensi sia stata violata una regola, chiama un judge.

Il rischio di aiutare senza volerlo uno dei due giocatori è molto alto. Chiama l'arbitro, e spiegagli la situazione. Se opportuno, puoi chiedere ai due giocatori di fermarsi mentre ti allontani.

8. Rappresenta correttamente le informazioni dei giocatori.

  1.  Tieni traccia dei punti vita con carta e penna.
  2.  Tieni traccia dei segnalini acquisiti dai giocatori, ad esempio i segnalini energia o i segnalini veleno, con carta e penna (non col dado)
  3.  Quando ottieni il City Blessing, annuncialo, e rendilo evidente, col relativo cartoncino, o in qualche altro modo.

9. Rappresenta correttamente lo stato del gioco.

Uno spettatore sarebbe in grado di seguire agevolmente la tua partita?
Il tuo avversario può guardare il board e afferrare la situazione senza eccessivo sforzo?
La risposta dovrebbe sempre essere "sì".

  • Rappresenta correttamente le pedine creatura
  • Metti i segnalini +1/+1 sulle creature
  • Llanowar Elves è una creatura, il suo posto è tra le creature non tra le terre

10. Il tuo avversario gioca troppo lentamente?

Se chiami l'arbitro per tempo, la situazione potrà essere gestita facilmente.
Se a fine partita pensi di aver pattato perché il tuo avversario giocava lentamente, ma durante non hai detto nulla, è troppo tardi perché si possa fare alcunché.




Se dovessi scegliere un esempio a dimostrazione dell'utilità di questi semplici fogli non avrei dubbi.

Un mese fa ero a Meta di Sorrento (NA). Il TO era al suo primo pPtq e il negozio era nato veramente da pochissimo.

È stata una giornata splendida e l'ambiente decisamente confortevole e amichevole ma prima del giorno del torneo mi sono arrivate molte domande proprio su aspetti legati al REL-Competitive.
All'inizio dell'evento il mazzo deve stare in ordine come la lista? Cosa devo portare per il torneo? Devo avere le carte dei token che creerò? Che foderine devo usare? E altre su questa linea.
Sembrava chiaro che molti dei giocatori che avrebbero partecipato stavano muovendo i loro primi passi in un torneo di quel tipo.

Certo, ho risposto a tutti cercando di toglier loro ogni dubbio ma ho anche consigliato al TO di appendere nel suo negozio quanto riportato poco sopra.

Le domande non sono terminate, ma almeno erano solo per situazioni particolari.
Il volantino aveva fatto...Meta (di Sorrento)!!


Finito il primo capitolo è giunto il momento di rituffarmi tra gli appunti in cerca di altro materiale.
Tracce di "cosa i players non dicono…"
Post-it su "cosa vorrebbero i TO…"
Note Google Calendar su "Casi a caso in tornei e dintorni…"

Altro di cui parlare c'è, se vi è piaciuto il primo articolo ditecelo e al prossimo mese per la seconda puntata.

Un saluto dal Judge in viagg' e vado a fare la valigia, ma stavolta per le ferie!